GLOBOFONIE  #27 del 29-03-2021 H 21:00 

Molteplici traiettorie ci conducono tra le musiche del mondo, è un viaggio che si serve di cartografie sonore per conoscere e vivere le culture musicali. Questa è l’essenza di Globofonie che in questa puntata monografica vi porta a scoprire rara bellezza che ritorna in circolazione grazie a “Excavated Shellac. An Alternate History of the World’s Music”, prezioso e meritorio progetto discografico in digitale, pubblicato dall’etichetta discografica Dust-to-Digital, non nuova a restituirci tesori musicali del passato. 

“An Alternate History of the World’s Music” è il sottotitolo del progetto, che ha visto la pubblicazione di ben 100 tracce, accompagnate da un sontuoso booklet digitale di 186 pagine. Dalla Asia all’Africa, dall’Europa alle Americhe, si è di fronte a un vero e proprio giro del mondo tra rarità musicali. Le registrazioni, che coprono un arco temporale che va più o meno dal 1907 al 1962,  sono versioni rimasterizzate di dischi a 78 giri in gommalacca, provenienti dalla discoteca di Jonathan Ward, collezionista e studioso californiano, non nuovo a collaborazioni con la label statunitense, che ha curato l’introduzione e le note analitiche sui materiali. Abbiamo selezionato 26 brani da questo scrigno di musiche.

 

  • Caluza’s Double Quartet – ‘Abaqafi’ (Sud Africa)
  • Liam Walsh – ‘Portlaw Reel’ (Irlanda)
  • Margareta Radulescu – ‘Mamă! Tata Când Mai Vine’ (Romania)
  • Mita Stoyecheva – ‘Da Znaya Mamo, Da Znaya’ (Bulgaria)
  • Giovanni Vicari – ‘Rose d’Italia’ (Italia)
  • Pasquale Taraffo – ‘Sonatina in La Maggiore’ (Italia)
  • Andrés Chazarreta – ‘La Doble’ (Argentina)
  • Grupo Istmeño – ‘Coge el Pandero Que Se Te Va’ (Panama)
  • Demka Dhe Hajro e Shoket – ‘Këngë e Mahmudisë’ (Albania)
  • Cayla and Demay – ‘Lo Mourolliado’ (Francia)
  • Gavino De Lunas – ‘Cantu Pastorale’ (Sardegna)
  • Subeit Bin Ambar – ‘Taksim Hijazi’ (Zanzibar)
  • Neagatoua – ‘Ya Bati Zefen’ (Etiopia)
  • Cheikh Saïd Relizani – ‘Denhar Mabrouk, Pt. 1’ (Algeria)
  • Zohra El Fassia – ‘Errad, Pt. 2’ (Marocco)
  • Hosseingholi Tatayy – ‘Shur’ – (Iran)
  • S. Narayana Ayyengar – ‘Mokshamu Galadha, Pt. 1’ (India)
  • Crimean Tatar Orchestra – ‘Taksim ve Peshraf’ (Crimea)
  • Monks Of The Maru Monastery At Lhasa – ‘Tse-Chu Cho-Pa (The Offering On The Tenth)’ (Tibet)
  • Superba Molassana – ‘A Partenza da Parigi’ (Italia)
  • Al Hadj Taha Abu Mandour – ‘Al Sama’i al-Thaqil’ (Egitto)
  • Muhammad Rashid Al -Rifa’i – ‘Ya Ghusain Alban, Pt. 1’ (Bahrain)
  • Ali Muhammadi – ‘Vitha’ (Sudan)
  • Enosse Kuhanya Muni – ‘O Ta Nikona’ (Mozambico)
  • Count Lasher – ‘Perseverance’ (Giamaica)
  • Sexteto Habanero – ‘Son las dos…China’ (Cuba)