“Nazione Fellini: in fondo ai viali di Rimini si vede Hollywood”. Un domatore nella gabbia dei leoni, questo è il regista, con domicilio nei teatri di posa, perché “a Cinecittà io non ci abito, ci vivo”. Bugie come esercizi di creatività, donne amate come isole, e Rimini, universo con confini labili tra realtà e finzione, estensione della fantasia. “Vite che non sono le nostre”, dedica una puntata monografica a Federico Fellini, per il prossimo centenario dalla nascita. Naturalmente su Radio Shamal